Sunshine

 

E succederà proprio quando non te l’aspetti. Arriverà forte, ti travolgerà come un’onda. E tu non riuscirai a tirarti indietro, non lo vorrai, al contrario, sentirai il bisogno di entrare sott’acqua, giocherai con lei, ne riemergerai solo per prendere aria – a pieni polmoni. 

E sarà come un tuffo da un’altezza elevata, come il brivido dell’adrenalina, come un lancio con il paracadute, come attraversare una cascata, come arrampicarsi a Sunshine Wall, come un salto nel vuoto – ma adesso sai che ci sarà qualcuno pronto a prenderti, qualcuno che non vorrà lasciarti andare, qualcuno disposto a proteggerti – a prendersi cura di te.

Perché tu adesso hai imparato ad occuparti di te stessa, ti sei ferita tante volte, sei crollata ma hai sempre trovato la forza di risollevarti, anche quando non c’era nessuno lì per te ad attenuare la tua caduta. 

Adesso puoi farlo ad occhi chiusi, lasciandoti trasportare dal suo respiro, dal calore delle sue mani, dal fuoco dei suoi occhi, dalla spuma delle onde. Senza temere più nulla.